martedì, 16 Agosto 2022
HomeL'Italia nel MondoL'Amica Geniale, confermata la quarta stagione

L’Amica Geniale, confermata la quarta stagione

Sarà l'ultima stagione della serie tratta dai romanzi di Elena Ferrante

L’ultima stagione sarà basata proprio sull’ultimo romanzo della Ferrante, Storia della bambina perduta. Le voci riguardo al quarto capitolo della saga ideata da Saverio Costanzo sono state confermate da HBO Entertainment, in co-produzione con Rai Fiction per l’adattamento televisivo degli omonimi romanzi.

Oggetto di quest’ultima stagione saranno gli avvenimenti della vita di Elena e Lila, le due protagoniste che ci hanno accompagnati dalla prima stagione ambientata in un tipico rione di Napoli negli anni ’50, le quali nell’ultimo romanzo sono ormai due donne che vivono negli anni ’80, alle prese con quella “vita bugiarda degli adulti” che tanto avevano idealizzato da bambine.

Mentre nelle prime tre stagioni della serie c’erano state le attrici Margherita Mazzucco nei panni di Elena e Gaia Girace in quelli di Lila, nell’ultimo episodio si apre la strada ad un cambiamento che anticipa ciò che vedremo nella quarta stagione: sarà la stessa Alba Rohrwacher, già voce narrante dalla prima stagione, ad interpretare Elena ormai adulta, mentre non si conosce ancora il nome dell’attrice che impersonerà Lila.

L’attesa del pubblico per il ritorno di questa saga letteraria tanto amata quanto chiacchierata è innegabile, ma bisognerà aspettare almeno fino al 2023 per vederla sul piccolo schermo, infatti al momento la terza stagione è ancora in corso su HBO, dove l’ultimo episodio sarà disponibile soltanto dal 18 aprile.

Ad accrescere il successo dell’Amica Geniale inoltre, è proprio l’autenticità dei dialoghi in napoletano, le fedeli ricostruzioni delle città di Napoli e Pisa, e delle dinamiche sociali dell’Italia del passato, che la collaborazione con HBO ha permesso di far apprezzare anche al pubblico statunitense (e non solo).

Molti sui social hanno parlato infatti di «Ricostruzione ambientale perfetta, curatissima. Il vero, commovente, ineccepibile Made in Italy», come afferma un utente su Twitter. Negli USA infatti la serie viene trasmessa in lingua originale, con i sottotitoli, permettendo di mantenere intatte le intenzioni comunicative e tutta l’emotività dei personaggi, portando in scena un Made in Italy credibile e privo di filtri.

Francesca Nardella
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti