venerdì, 12 Agosto 2022
HomeEconomiaAlice: il primo aereo completamente elettrico

Alice: il primo aereo completamente elettrico

Il CEO della compagnia israeliana Eviation, Omer Bar-Yohay, ha annunciato che il primo volo completamente elettrico al mondo, Alice, sarà pronto tra poche settimane: la compagnia spera che gli aerei elettrici da 20 a 40 passeggeri diventino una realtà tra sette e dieci anni

La scorsa settimana Alice, un aereo sviluppato dalla compagnia israeliana Eviation, è stato sottoposto a diversi test sui motori all’aeroporto municipale di Arlington, a nord di Seattle: secondo il CEO della società, Omer Bar-Yohay, è a poche settimane dal suo primo volo ufficiale.

Con una tecnologia della batteria simile a quella di un’auto elettrica o di un cellulare e 30 minuti di ricarica, Alice da nove passeggeri potrà volare per un’ora ed a massimo circa 800 km/h: la sua velocità di crociera è stimata, invece, a 500 km/h, la metà di un Boeing 737 che, infatti, ha una velocità di crociera massima di 1000 km/h. 

Un prototipo dell’aereo, che ha debuttato nel 2019, è stato sottoposto a test di taxi a bassa velocità da dicembre e nelle prossime settimane tenterà un test di taxi ad alta velocità. In questi test, l’aereo viene inviato lungo la pista a velocità diverse per testare la propria potenza e consentire alle squadre di terra di monitorare sistemi come lo sterzo, la frenata e l’anti-slittamento. Sebbene la compagnia inizialmente mirasse a far decollare l’Alice prima del 2022, le cattive condizioni meteorologiche nel nord-ovest del Pacifico alla fine dell’anno hanno ostacolato lo svolgimento dei test.

Eviation ha sviluppato tre versioni del prototipo, una variante “pendolare”, una versione executive e una specializzata per il carico: la configurazione del pendolare in prova contiene nove passeggeri e due piloti, oltre a 385 kg di carico; il design esecutivo ha sei posti passeggeri atti ad un volo più spazioso e l’aereo cargo, infine, ha un volume di 12,74 metri cubi.

Tuttavia, per gli esperti del settore, il più grande ostacolo per l’aviazione elettrica che diventa la norma negli aerei passeggeri è la batteria.

«L’ostacolo è la tecnologia della batteria, proprio come con le auto, ma lo è ancora di più negli aeroplani. Questo perché con gli aeroplani, la preoccupazione è il peso», ha affermato Ross Aimer, CEO di Aero Consulting Experts. «Non appena avremo una migliore tecnologia delle batterie, che sospetto sarà tra due o tre anni, è allora che alla fine arriveranno tutti questi aeroplani elettrici».

Comunque, la preoccupazione più urgente per l’aviazione elettrica è la regolamentazione, infatti la Federal Aviation Administration (FAA) deve ancora presentare un quadro normativo per gli aeroplani elettrici, rientranti nella categoria della mobilità aerea avanzata. 

Eviation ha affermato che sta lavorando attivamente con la FAA per ottenere la certificazione per la produzione entro il 2024: per il momento, un portavoce della FAA ha dichiarato che «alcune certificazioni potrebbero richiedere alla FAA di emettere condizioni speciali o criteri di aeronavigabilità aggiuntivi, a seconda del tipo di progetto. La determinazione delle qualifiche per questi velivoli è un processo in corso».

«Una volta che inizieremo a vedere aerei come questo, l’intero modo in cui guardiamo a dove viviamo, come facciamo i pendolari, come andiamo in vacanza, cambierà. Sarà un treno ad alta velocità senza i binari», ha affermato Omer Bar-Yohay.

Laura Ponte
Studentessa della Facoltà di Investigazione, Criminalità e Sicurezza internazionale
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti