martedì, 9 Agosto 2022
HomeLingue e CultureSquid Game: la serie TV di Netflix rivela sei verità sulla società...

Squid Game: la serie TV di Netflix rivela sei verità sulla società sudcoreana

La serie TV sudcoreana Squid Game è senza dubbio una delle serie più popolari su Netflix, il suo successo ha anche permesso a tutto il mondo di conoscere lo status quo della società sudcoreana

Squid Game è una serie sudcoreana che ha fatto appassionare milioni di persone, tuttavia, ha anche ricevuto molte critiche per il suo contenuto violento. Il protagonista della storia, un uomo divorziato sommerso dai debiti, viene invitato a partecipare ad una competizione estrema. Le prove consistono in alcuni popolari giochi per bambini, come il tiro alla fune, il classico un due tre stella o ritagliare delle formine da biscotti, qualora qualcuno dei partecipanti non vinca in uno di questi giochi riceverà un’estrema punizione: la morte.

Molti spettatori stranieri, specialmente in Occidente, potrebbero non essere a conoscenza dei problemi sociali che la Corea del Sud ha affrontato in passato, ma ora che i film e la televisione sudcoreani sono entrati nei principali media occidentali, molte persone avranno la possibilità di sapere ciò che questa società ha vissuto e vive tutt’oggi.

In poco tempo Squid Game è divenuto un vero fenomeno mediatico, dove al suo interno è possibile scorgere sei verità della società sudcoreana.

Tendenze misogine. Squid Game riflette la cultura conservatrice del basso status delle donne nella società coreana. Tuttavia, anche il modo in cui i personaggi femminili sono ritratti nella serie è stato criticato. Lo scrittore e regista ha affermato che la serie non è discriminatoria nei confronti delle donne nella sua rappresentazione dei personaggi femminili. In un’intervista al Korea Daily, ha dichiarato che i personaggi sono fittizi e che le loro azioni sono una reazione alla “peggiore situazione possibile”.

L’esperienza dei disertori nordcoreani. Prima dell’epidemia da Covid-19, ogni anno più di 1.000 disertori si recavano in Corea del Sud, e sebbene il governo sudcoreano avesse alcuni programmi di reinsediamento per assistere i disertori, molti di essi arrivavano in Corea del Sud in condizioni disastrose arrivando ad essere discriminati e guardati con sospetto.

La povertà. La problematica della distribuzione della ricchezza in Corea è sempre più grave. L’Indice di Sviluppo Umano delle Nazioni Unite, ha collocato la Corea al 23°posto, una classifica superiore a Francia, Italia e Spagna.

Lo sfruttamento degli immigrati. Molti lavoratori migranti stranieri nella società coreana sono trattati ingiustamente in Corea. A tal proposito, i gruppi per i diritti umani affermano che sebbene il governo coreano abbia approvato molte leggi per proteggere e tutelare i lavoratori migranti negli ultimi 20 anni, questi affrontano ancora molti problemi seri in Corea.

Lo scandalo politico e commerciale. In Squid Game vengono messi in luce corruzione e scandali che continuano ad emergere nei settori politici e commerciali della Corea del Sud.

I delicati rapporti con la Cina. La Cina è un alleato della Corea del Nord, di fatto i suoi rapporti con la Corea del Sud rimangono molto delicati. La piattaforma streaming Netflix non è ancora presente nella rete cinese, tuttavia, l’ambasciatore sudcoreano in Cina ha affermato che attualmente compaiono circa 60 siti web in Cina che trasmettono illegalmente Squid Game.

Anche il merchandising legato alla serie sudcoreana è diventato un hot seller online in Cina, tra cui tute verdi, maschere, costumi simbolici e piccoli negozi a tema Squid Game sono apparsi a Shanghai.

Sara Daverio
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti