martedì, 29 Novembre 2022
HomeNotizie dal mondoNational Health Service britannico, cresce il malcontento della popolazione

National Health Service britannico, cresce il malcontento della popolazione

La soddisfazione del pubblico per i servizi del Servizio Sanitario Nazionale inglese cala ancora, non solo a causa della pandemia

Un sondaggio condotto dal British Social Attitudes ha rilevato che i livelli di soddisfazione della popolazione britannica nei confronti del Sistema Sanitario Nazionale sono arrivati a toccare quest’anno il minimo storico da 25 anni.

Dal 1983 infatti, non si era più registrata una percentuale di soddisfazione del pubblico tanto bassa, come si evince dalle indagini passate del King’s Fund and Nuffield Trust.

Il calo della soddisfazione si estende a tutte le fasce della popolazione, di ogni età e reddito, ed è andato via via diminuendo dall’inizio della pandemia, nonostante durante la prima ondata non si fossero registrati particolari cambiamenti nell’opinione pubblica, in quanto il momento si è rivelato critico per tutti i sistemi sanitari del mondo.

Le principali ragioni del calo attuale sono dovute alla mancanza di risorse, soprattutto finanziarie, destinate al sistema sanitario nazionale inglese dal governo. A peggiorare la situazione già critica prima della pandemia, un’importante carenza di personale sanitario nelle strutture ospedaliere di tutto il paese.

Come afferma infatti Dan Wellings, membro anziano del King’s Fund, «Le persone spesso lottano per ottenere le cure di cui hanno bisogno. Questi problemi sono stati esacerbati dagli eventi straordinari degli ultimi due anni ma erano inevitabili, a causa di una stretta decennale dei fondi e una crisi della forza lavoro, per cui non si intraprendono azioni concrete da troppo tempo».

Il dato più preoccupante, a detta di Wellings, riguarda i 6 milioni di persone in lista d’attesa di cure mediche in tutto il Regno Unito, cifra record degli ultimi decenni.

Inghilterra, Galles e Scozia hanno però reso nota l’attuazione di piani di recupero Covid, al fine di ridurre le liste d’attesa negli anni a venire.

Di fondamentale importanza per l’effettiva attuazione di questi piani è come riporta il Guardian, «strettamente dipendente dal ritorno e dal mantenimento di bassi livelli di Covid-19, che consentiranno al SSN di ripristinare condizioni operative normali, oltre alla riduzione dell’elevata carenza del personale attuale».

Ci si aspetta quindi una sorta di referendum sullo stato del NHS durante le prossime elezioni generali del 2024, ma nel frattempo i ministri della salute in Inghilterra, Scozia e Galles hanno affermato di voler finanziare il Sistema Sanitario Nazionale con l’aumento dei contributi assicurativi nazionali a partire dal prossimo mese.

Francesca Nardella
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti