sabato, 3 Dicembre 2022
HomeNotizie dal mondoMessico: circa l’80% del territorio soffre di siccità

Messico: circa l’80% del territorio soffre di siccità

In questi mesi il Messico sta vivendo una siccità senza precedenti e la situazione climatica attuale non aiuta

La siccità che sta colpendo il Messico si estende in gran parte del territorio e in modi diversi. Un’intensa ondata di calore e la mancanza di piogge negli ultimi mesi aggravano ulteriormente la situazione, che ha già raggiunto i terreni messicani e ha provocato la carenza di acqua in alcuni stati del nord e del nordest del paese.

Le alte temperature non danno tregua e questo fattore, combinato alla mancanza di piogge, aggrava la situazione di carenza idrica nel paese. La Comisión Nacional del Agua (Conagua) ha dichiarato che il termometro raggiunge una temperatura estrema, tra i 40 e i 42 gradi Celsius in 20 dei 32 stati che fanno parte del Messico. Nel frattempo, è presente un deficit di pioggia vicino al 23% paragonato alla cifra nazionale storica di questo stesso periodo.

Come riportato da CNN, José Miguel Martínez, direttore della Protezione Civile dello stato di Durango, ha affermato che negli anni passati maggio era una stagione di piogge, tuttavia, negli ultimi tempi c’è stata una siccità importante, il clima è diventato arido e ci si aspetta delle ondate di calore con temperature molto alte.

La siccità colpirà, tra le altre cose, la produzione agricola, che già di per sé soffre la mancanza di piogge che il paese ha dovuto affrontare nel 2021, quando viveva una delle siccità più gravi ed estese da decenni.

La siccità che attraversa il Messico non colpisce solo le zone rurali. La crisi causata dalla scarsità di acqua ha obbligato il governo dello stato di Nuevo León a limitare l’approvvigionamento di acqua agli abitanti della zona metropolitana di Monterrey. Ogni giorno, infatti, dalle 6 del pomeriggio alle 6 della mattina, si riduce la pressione di acqua potabile in varie zone della città, una misura in aggiunta a quelle che fanno parte del piano “Agua para Todos” implementato dalle autorità per far fronte alla crisi dal marzo scorso.

Tuttavia, l’insieme di siccità, caldo e mancanza di pioggia provoca indirettamente anche i furti di acqua potabile, come riferisce Alan Falomir, direttore della Junta Central de Aguas del Estado, che riferisce di aver registrato furti di acqua per l’irrigazione agricola, in altri casi per fattorie di intrattenimento e piscine; inoltre, e si è registrata anche una commercializzazione dell’acqua.

Nel frattempo, in stati come quello di Durango, che stanno vivendo una forte siccità, i cittadini sono costretti a soddisfare i propri bisogni primari comprando acqua purificata o trasportandola da fonti naturali.

Secondo l’Instituto de Astronomía y Meteorología dell’Università di Guadalajara, il fenomeno della Niña porta con sé variazioni di temperatura che producono cambiamenti nei flussi oceanici e nell’atmosfera e ciò favorisce l’aridità nel paese.

Megan Manduca
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti