giovedì, 18 Agosto 2022
HomeNotizie dal mondoJustin Trudeau propone una stretta sulle armi in Canada

Justin Trudeau propone una stretta sulle armi in Canada

Il Canada dovrebbe introdurre un divieto totale di acquisto e vendita delle armi

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha annunciato un nuovo progetto di legge, le sue intenzioni sono quelle di aumentare la stretta sulle armi già presente in Canada: “Dobbiamo agire per prevenire ulteriori tragedie”.

Il disegno di legge renderebbe impossibile acquistare, vendere, trasferire, o importare pistole in qualsiasi parte del paese; inoltre verrebbe tolta la licenza di armi da fuoco a chiunque sia coinvolto in violenze domestiche o molestie criminali.

Il rigoroso controllo delle armi in Canada subirebbe un ulteriore inasprimento, i detentori di “armi d’assalto in stile militare” sarebbero obbligati a riconsegnate le proprie armi attraverso un programma di riacquisto da parte del governo. Ad oggi però non c’è ancora una definizione legale di tali armi, il Primo Ministro cercherà di inventarne uno, sotto la quale possano rientrare il maggior numero di armi, e per far sì che i produttori di tali armi non possano facilmente aggirare questa nuova legge.

La normativa proposta dovrebbe essere applicata a decine di migliaia di armi da fuoco. Questo è solo uno dei passi intrapresi dal primo ministro canadese, che aveva iniziato la sua azione politica vietando la vendita di armi da fuoco.

La legge introdotta da Trudeau soddisfa la promessa fatta alla popolazione, costringendo la riconsegna di armi da fuoco. Il ministro della pubblica sicurezza canadese, Marco Mendicino, afferma che il riacquisto dovrebbe iniziare a partire da fine anno.

Negli ultimi anni sempre più sparatorie di massa sono stata intraprese, non solo nel territorio canadese, ma anche negli Stati Uniti. Infatti la scorsa settimana un uomo armato, è entrato in una scuola in Texas, uccidendo 19 bambini e due insegnanti, utilizzando un fucile in stile militare.

Solo 10 giorni prima un suprematista bianco aveva ucciso a sangue freddo 10 persone all’interno di un supermercato, quasi tutte nere.

Il programma del Signor Trudeau segue altre politiche intraprese in vari paesi del mondo, come in Nuova Zelanda, dove è stato vietato l’uso di armi semiautomatiche, dopo che un uomo aveva ucciso 51 persone all’interno di una moschea.

In Canada le armi automatiche, erano già state bandite per i civili, ed era stata limitata la distribuzione di caricatori per armi automatiche: nessuna pistola può sparare più di 5 colpi senza essere ricaricata.

Il Primo Ministro ha deciso di intraprendere una nuova strada, che potesse effettivamente causare un cambiamento a livello nazionale. Non tutti appoggiano le sue decisioni, ma il Nuovo Partito Democratico di sinistra si è dimostrato a favore di questa nuova legge, che quindi dovrebbe riuscire a prendere piede nel paese.

Giulia Rossi
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti