lunedì, 30 Gennaio 2023
HomeL'Italia nel MondoGli Stati Uniti restituiscono all’Italia oltre 60 reperti archeologici

Gli Stati Uniti restituiscono all’Italia oltre 60 reperti archeologici

Tra i reperti anche il noto affresco di Ercolano raffigurante Ercole bambino con il serpente, per un valore complessivo di 20 milioni di dollari

L’Affresco di Ercolano, originario della stessa città di Ercolano, distrutta insieme a Pompei nel 79 d.C., è tornato in Italia lunedì 23 gennaio insieme ad altre 59 reperti trafficati illegalmente negli Stati Uniti, e presentati durante una conferenza stampa a Roma.

Alcune delle opere risalgono addirittura al I secolo a.c.. Tra i reperti più preziosi anche una kylix etrusca in terracotta, busti in bronzo, vasi antichi e utensili da cucina. Stando a quanto riportato da ABC News, il valore complessivo delle opere è di 20 milioni di dollari (18 milioni di euro).

Il comandante dei carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, Vincenzo Molinese, ha dichiarato: «Si tratta di opere depredate dal nostro Paese per mani di trafficanti senza scrupoli, opere che finiscono poi nelle mani di intermediari internazionali prima di essere vendute». Ha poi sottolineato l’importanza di queste opere, soprattutto per il grande valore storico e culturale per l’Italia.

Tra i presenti alla conferenza stampa anche il vice procuratore del District Attorney’s Office di Manhattan, Matthew Bogdanos, che ha raccontato di aver lavorato congiuntamente con le autorità italiane. «Solo per i beni italiani abbiamo eseguito 75 raid, recuperando più di 500 opere inestimabili, per un valore di oltre 55 milioni di dollari», ha affermato Bogdanos.

Stando al The Guardian, l’Italia ha chiesto più volte la restituzione dell’Affresco di Ercolano, la prima volta nel 1997. Si pensa che l’affresco sia stato depredato dai tombaroli, uomini che hanno fatto fortuna scavando nei siti archeologici italiani rubando reperti da rivendere poi ai trafficanti d’arte.

Il Museo dell’Arte Salvata di Roma è stato scelto per l’esposizione di alcuni dei pezzi restituiti dagli Stati Uniti, altri invece saranno esibiti in musei vicini. Tuttavia, il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano ha dichiarato ai giornalisti l’eventualità di una mostra speciale dedicata interamente alle reliquie rimpatriate.

Denise De Vincenzo
Studentessa della Facoltà di Economia [LM-77]
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti