domenica, 19 Maggio 2024
HomeLingue e CultureTV: perché i critici di The Crown si sentiranno "stupidi" dopo aver...

TV: perché i critici di The Crown si sentiranno “stupidi” dopo aver guardato la serie

Peter Morgan è convinto che i detrattori di The Crown si pentiranno dei loro commenti al vetriolo dopo la visione della serie

I critici di The Crown, tra cui Dame Judi Dench e Sir John Major, si saranno sentiti “piuttosto stupidi” dopo aver visto la serie, ha dichiarato il creatore nonché sceneggiatore e drammaturgo britannico Peter Morgan.

Come riportato dal Guardian, prima del lancio della sesta stagione della serie di successo di Netflix sulla famiglia reale britannica, lo sceneggiatore e drammaturgo Peter Morgan ha dichiarato di non aver mai lavorato a nulla che avesse causato un tale clamore pubblico.

“Tutte le critiche sull’atteggiamento di The Crown nei confronti dei reali arrivano in vista dell’uscita della serie”, ha dichiarato Morgan a Variety. “Nel momento in cui esce e la gente lo guarda – che si tratti di Judi Dench o di John Major – si ammutoliscono all’istante. E credo che probabilmente si sentano piuttosto stupidi”.

Dench ha accusato lo show di “rozzo sensazionalismo” prima dell’uscita della penultima stagione l’anno scorso, mentre Major ha descritto alcune scene come “assurdità maligne”. In risposta, Netflix ha inserito una clausola di esclusione di responsabilità per “drammatizzazione fittizia” nel trailer dello show.

Morgan ha esposto le difficoltà che si riscontrano quando si avvia una conversazione sensata su The Crown nel Regno Unito. “Tutti in Gran Bretagna, che lo riconoscano o meno, hanno un livello di sensibilità e di attaccamento a questa famiglia, ed è per questo che per i drammaturghi è un campo assolutamente minato da esplorare. Eppure i drammaturghi sono nati per scrivere di re e regine. È quello che facciamo”, ha dichiarato Peter nel corso della sua intervista.

La sesta e ultima tranche della serie sarà pubblicata in due parti, la prima il 16 novembre e la seconda il 14 dicembre. La serie tratterà della morte di Diana, Principessa del Galles, e di Dodi Fayed in un incidente d’auto a Parigi nel 1997, del giubileo d’oro del 2002 e del matrimonio del 2005 tra l’allora Principe Carlo e Camilla Parker Bowles.

Morgan, che è stato nominato due volte all’Oscar per la sceneggiatura (per The Queen e Frost/Nixon) e ha vinto numerosi Emmy, Golden Globe e Bafta, ha dichiarato di essere sicuro che interrompere lo show quasi due decenni prima del periodo attuale sarebbe stato più “dignitoso”. Ha detto di avere un’idea su un prequel che potrebbe essere precedente a Elisabetta II, ma che “avrebbe bisogno di una serie di circostanze particolari per essere realizzato”.

Lo sceneggiatore ha detto che aveva quasi finito di scrivere l’ultima stagione quando Elisabetta II è morta lo scorso settembre, e ha cambiato il finale per tener conto della sua morte.

“Avevamo tutti vissuto l’esperienza del funerale. Quindi, dato che tutti l’avranno sentita profondamente, ho dovuto cercare di trovare un modo in cui l’episodio finale affrontasse la morte del personaggio, anche se lei non era ancora morta”.

Morgan ha detto di aver evitato di leggere il libro di memorie del principe Harry, Spare, perché non voleva che la voce del principe “abitasse troppo i suoi pensieri”, aggiungendo, “Ho molta simpatia per lui, molta simpatia. Ma non volevo leggere il suo libro”.


RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti