sabato, 25 Maggio 2024
HomeNotizie dal mondoViolenze al campus UCLA: scontri tra manifestanti pro-Palestina e pro-Israele

Violenze al campus UCLA: scontri tra manifestanti pro-Palestina e pro-Israele

Gli scontri al campus UCLA a Los Angeles hanno provocato diversi feriti e alcuni studenti sono stati trasportati d’urgenza all’ospedale

Mercoledì 1 maggio 2024, presso l’Università della California di Los Angeles, UCLA, un gruppo pro-Israele ha attaccato un accampamento di un gruppo di sostenitori pro-Palestina.

Secondo quanto riferisce The Guardian, l’attacco rappresenta uno dei peggiori episodi di violenza dall’intensificarsi delle proteste studentesche in tutto il Paese a favore di Gaza.

Il gruppo pro-Israele è arrivato al campus intorno alle 10 di sera, munito di bandiere israeliane e armato di tubi di metallo, e ha iniziato a lanciare fuochi d’artificio e spruzzare sostanze chimiche nell’aria.

Numerose immagini dello scontro mostrano il gruppo pro-Israele mentre tenta di smantellare le strutture dell’accampamento filo-palestinese e di aggredire un individuo precedentemente catturato e trascinato fuori dalle mura di protezione dell’accampamento, come riporta NBCNews.

Secondo quanto riferisce BBC, migliaia di agenti di polizia sono intervenuti più di due ore dopo l’inizio degli scontri. L’ufficio del governatore della California, Gavin Newsom, ha condannato l’intervento tardivo delle forze dell’ordine, definendolo inaccettabile.

Gli ufficiali dello Stato e i dirigenti dell’Università hanno dichiarato di aver immediatamente schierato il personale di sicurezza nel campo dov’è avvenuto lo scontro. Tuttavia, diverse persone sul posto hanno affermato che le forze dell’ordine non hanno agito abbastanza rapidamente.

«Le forze dell’ordine semplicemente si sono fermate sul bordo del prato e hanno rifiutato di muoversi mentre gridavamo aiuto», ha affermato un gruppo insediato nell’accampamento, in una dichiarazione riportata da BBC.

Dopo esser intervenuta, la polizia ha fatto evacuare tutti i manifestanti, numerosi partecipanti del campo pro-Palestina hanno riportato diverse ferite, tra cui 25 di loro sono stati trasportati d’urgenza in ospedale.

La Federazione Ebraica di Los Angeles ha preso le distanze dalle violenze, ma ha accusato il cancelliere dell’Università della California di aver permesso la creazione di un ambiente in cui gli studenti ebrei non si sentono al sicuro.

Nelle ultime settimane, sempre più studenti universitari americani hanno partecipato alle proteste contro la guerra a Gaza, con 300 arresti registrati in due campus di New York. Questo ha aumentato la pressione sui dirigenti universitari per gestire le proteste pro-Palestina che si diffondevano in tutto il Paese.

Nonostante ciò, i dirigenti dell’UCLA avevano optato per un approccio più moderato rispetto ai loro colleghi di altre università. Le direttive dell’istituto californiano per la gestione delle proteste sono state riviste nel 2001, in seguito all’indignazione pubblica generata da un’azione aggressiva della polizia. Secondo le nuove direttive, il college consente le proteste a condizione che siano pacifiche e impiega l’intervento della polizia solo come ultima risorsa. Questo potrebbe spiegare, almeno in parte, il ritardo nell’intervento delle forze dell’ordine durante gli scontri di mercoledì.

RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti