sabato, 26 Novembre 2022
HomeLingue e CultureNatale in Russia: storia e tradizioni della festività

Natale in Russia: storia e tradizioni della festività

In questo giorno i credenti celebrano la nascita di Gesù Bambino dalla Beata Vergine Maria. Secondo la dottrina cristiana, il Figlio di Dio è nato a Betlemme, dove la Vergine Maria e il suo coniuge Giuseppe si recarono per il censimento della popolazione per volontà di Erode, re di Giuda. Non c’era posto in cui dormire poiché tutte le locande erano occupate: Maria diede alla luce Gesù Bambino in una grotta-stalla per il bestiame. 

Le opinioni degli storici sulla data esatta della Natività di Cristo divergono. Ciò nonostante, tra le ipotesi più accertate oscillano date comprese tra il XXII e il VII secolo a.C.

Perché non è completamente corretto definire il 7 gennaio come il Natale ortodosso?

Si è soliti sentire che il Natale celebrato il 7 gennaio, secondo il calendario giuliano, sia quello ortodosso e, quello celebrato 13 giorni prima, secondo il calendario gregoriano, sia quello cattolico. Allo stesso tempo, ci sono alcuni ortodossi che celebrano il Natale nel giorno della festività cristiana poiché sono ortodossi che hanno aderito al nuovo calendario giuliano che coincide con quello gregoriano. Per questo motivo è sbagliato definire il 7 gennaio come il Natale ortodosso, anche se la maggior parte degli ortodossi russi lo celebra nell’arco di questa giornata come da calendario giuliano. 

Prima di Natale, i credenti osservano un rigoroso digiuno di quaranta giorni, dal 28 novembre al 6 gennaio compresi. Il giorno della Vigilia di Natale è consuetudine preparare un piatto tradizionale di grano bollito o di riso con miele tipico. 

Le celebrazioni religiose ortodosse si tengono la notte del 7 gennaio allo scoccare della mezzanotte quando ha luogo il rito solenne. Dopo quest’ultimo, i credenti si riuniscono attorno a una grande tavolata di Natale e si scambiano i tradizionali regali. 

Secondo la tradizione ortodossa, sulla tavolata devono essere presenti 12 portate, in riferimento ai 12 apostoli di Gesù. Ognuno dei presenti dovrebbe provare almeno un cucchiaio di ogni portata come augurio di una vita sana e prospera. 

Kozuli, dolci tipici di pan di zenzero a forma di casetta. Fonte: pixabay.com.

Di solito il menù è a base di carne e pesce. Il più delle volte a farla da padrone è la carne di pollame: pollo servito freddo, oca o anatra calde. Sono altrettanto deliziosi i dolci tipici di pan di zenzero a forma di animali, casette, angeli e alberi di Natale presenti in qualsiasi famiglia russa. 

Kozuli, dolci tipici di pan di zenzero a forma di animali. Fonte: Wikimedia Commons.
Marco Buccella
Studente della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti