sabato, 26 Novembre 2022
HomeNotizie dal mondoL’Ucraina potrebbe entrare a fare parte dell’Unione Europea

L’Ucraina potrebbe entrare a fare parte dell’Unione Europea

L’Ucraina sta facendo i primi passi per entrare a fare parte del blocco del 27 paesi dell’Unione Europea, i leader dell'UE dovrebbero appoggiare la mossa in occasione del vertice che si terrà il 23 e 24 giugno

I passi per aderire all’Unione Europea sono ben delineati, innanzitutto va valutata la posizione del paese che ne fa richiesta: deve essere un governo stabile, democratico, che rispetti i diritti umani e che abbia un’economia libera di mercato. Tutti gli attuali membri dell’UE devono essere d’accordo prima che un nuovo Paese possa diventare un candidato. In caso di successo, il Paese deve adottare tutte le leggi e i regolamenti dell’Unione Europea, questo processo richiede normalmente diversi anni. Infine, il Paese firma un trattato di adesione che tutti gli altri Paesi dell’Unione Europea devono ratificare.

La richiesta di adesione all’Unione Europea era stata presentata cinque giorni dopo l’invasione da parte della Russia nel febbraio 2022, il presidente aveva richiesto un’adesione immediata, ma il processo potrebbe richiedere anni. L’adesione comporterebbe dei vantaggi finanziari, inoltre stabilirebbe l’Ucraina come uno stato europeo indipendente e sovrano. Il presidente ucraino Zelensky ha avvertito che gli attacchi militari russi potrebbero aumentare.

Dal 2017 l’Ucraina può commerciare con gli Stati dell’Unione Europea senza pagare tariffe, in base al cosiddetto accordo di associazione, dopo aver aderito all’area di libero scambio globale e approfondita nel 2016. A seguito della richiesta di adesione l’Ucraina ha già modificato molte delle sue leggi e regolamenti per soddisfare gli standard europei.

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen afferma che l’Ucrania deve ancora effettuare passaggi cruciali: tra questi, il rafforzamento dello Stato di diritto, il miglioramento dei diritti umani, la riduzione del potere degli oligarchi e la lotta alla corruzione. Un’altra sfida sarà quella di ripulire il sistema giudiziario ucraino, che è stato ampiamente criticato.

L’adesione all’UE ha aiutato gli ultimi arrivati di seguito riportiamo alcuni esempi.

Il reddito nazionale della Romania è triplicato e quello della Bulgaria è raddoppiato. L’Unione Europea ha erogato decine di miliardi di euro a entrambi i Paesi attraverso i Fondi strutturali e di investimento europei, a sostegno dello sviluppo economico.

La Bulgaria rimane in fondo alla classifica dell’UE in termini di salari, sanità e istruzione, mentre la Romania è passata dal secondo al sesto posto tra i Paesi più poveri.

Il Presidente Vladimir Putin è stato molto critico nei confronti del desiderio dell’Ucraina di entrare a far parte dell’alleanza militare della NATO, anche se sostiene che non ha “nulla in contrario” a che l’Ucraina diventi membro dell’UE, il suo portavoce, Dmitry Peskov, afferma che il Cremlino presterà “maggiore attenzione” alla richiesta di adesione perché l’Unione Europea sta valutando la possibilità di formare una propria forza di difesa. Il Presidente ucraino Zelensky ha avvertito che la Russia potrebbe reagire con un attacco, non solo contro l’Ucraina ma contro l’Europa.

Giulia Rossi
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti