lunedì, 30 Gennaio 2023
HomeEconomiaStati Uniti contro TikTok: nuove restrizioni per l’app cinese

Stati Uniti contro TikTok: nuove restrizioni per l’app cinese

Sempre più stati americani limitano l’uso di TikTok dai dispositivi governativi a causa dei sospetti sull’uso improprio dei dati degli utenti da parte della società cinese

Secondo un’analisi condotta dalla CNN, la politica USA nei confronti di TikTok diventa sempre più restrittiva. Buona parte degli stati americani ha vietato parzialmente o completamente l’uso della nota app cinese dai dispositivi governativi.

Il nuovo provvedimento è stato preso in seguito ai ripetuti problemi legati alla sicurezza dei dati degli utenti americani, TikTok infatti conta solo negli Stati Uniti 100 milioni di utenti. Ad oggi sono 31 gli stati che hanno limitato l’uso dell’app sui dispositivi governativi e 9 di questi, come Virginia ed Ohio, hanno deciso di estendere il divieto anche ad altre applicazioni cinesi, tra cui WeChat.

Già alla fine del 2022, una ventina di governatori e rappresentanti di istituzioni statali hanno imposto misure restrittive sull’utilizzo di TikTok nei propri stati. Nel dicembre 2022, il presidente Joe Biden ha vietato l’uso dell’app da parte di 4 milioni di dipendenti governativi, come riportato da NBC News.

Da tempo, i funzionari governativi americani accusano TikTok di essere un rischio per la sicurezza nazionale, sostenendo che il governo cinese potrebbe richiedere i dati degli utenti americani alla società madre, ByteDance

Nonostante non ci sono siano prove a riguardo, sempre a dicembre 2022, la compagnia cinese ha confermato il licenziamento di quattro dipendenti che si erano appropriati dei dati di due giornalisti statunitensi tramite l’app.

Dal 2020, TikTok sta negoziando un potenziale accordo con il governo statunitense per fronteggiare i problemi di sicurezza nazionale e consentire agli utenti americani di continuare ad utilizzare l’app. TikTok ha inoltre adottato misure per separare i dati degli utenti statunitensi dal resto dell’attività della società.

Un portavoce di TikTok ha espresso il suo dispiacere per le nuove limitazioni: «È un peccato che tante agenzie statali, uffici e università presenti su TikTok in quegli stati non saranno più in grado di usarlo per costruire comunità e connettersi con gli elettori».

Attualmente, un piano per risolvere i problemi di sicurezza nazionale è in fase di studio da parte delle autorità governative.

Denise De Vincenzo
Studentessa della Facoltà di Economia [LM-77]
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti