martedì, 23 Aprile 2024
HomeNotizie dal mondoAustralia: stop a una miniera di carbone in difesa della Grande Barriera...

Australia: stop a una miniera di carbone in difesa della Grande Barriera Corallina

Le autorità australiane hanno bloccato la creazione di una miniera di carbone per proteggere la fauna e la flora marina

Secondo quanto riportato dalla CNN, mercoledì 7 Febbraio, il governo australiano ha rifiutato una proposta per la creazione di una nuova miniera di carbone a circa 10 km dalla Grande Barriera Corallina, sulla costa del Queensland.

Tanya Plibersek, ministro dell’ambiente ha affermato che il progetto rappresenta un rischio inaccettabile per l’area, già altamente vulnerabile. Ha inoltre sottolineato l’importanza della decisione poiché è la prima volta che l’ufficio ministeriale dell’ambiente ha usato i propri poteri ai sensi delle leggi ambientali per respingere un progetto di questo tipo.

“Il rischio di inquinamento e danni irreversibili alla barriera corallina è troppo grande. Il progetto avrebbe avuto impatti inaccettabili per l’acqua e potenzialmente sulla fauna dell’area”, ha dichiarato Pilbersek in un video pubblicato su Twitter.

La proposta della creazione della miniera era stata avanzata dalla società Central Queensland Cola, di proprietà dal magnate australiano Clive Palmer, che non ha ancora commentato la decisione del governo.

L’UNESCO già da tempo spinge il governo australiano a proteggere con ogni mezzo a loro disposizione la barriera corallina. Nel 2022, per questa ragione, le autorità australiane hanno promesso di investire un miliardo di dollari australiani (700 milioni di euro circa) per proteggere il fragile ecosistema, promettendo inoltre nuove misure contro il cambiamento climatico e nuovi programmi per monitorare la qualità dell’acqua.

Nel 2021 la Grande Barriera Corallina, che si estende per oltre 2.300 ha vissuto il suo sesto evento di sbiancamento di massa per via del riscaldamento delle acque. Climate Action Tracker ha dichiarato successivamente che le azioni del governo australiano sono “insufficienti” per contrastare il cambiamento climatico e raggiungere gli obiettivi per limitare il riscaldamento globale.

Denise De Vincenzo
Studentessa della Facoltà di Economia [LM-77]
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti