venerdì, 14 Giugno 2024
HomeLingue e CultureLiverpool si prepara ad accogliere l’Eurovision 2023

Liverpool si prepara ad accogliere l’Eurovision 2023

Per Eurovision 2023, Liverpool dimostra solidarietà all’Ucraina attraverso iniziative canore

La 67ª edizione dell’Eurovision Song Contest avrà inizio martedì 9 maggio 2023 presso la Liverpool Arena a Liverpool. La manifestazione si svolgerà per la nona volta in terra britannica dopo che l’Ucraina, vincitrice dell’edizione precedente, è stata dichiarata non in grado di ospitare il concorso a causa dell’invasione russa a tutt’oggi in corso. Per mostrare vicinanza all’Ucraina, la città sta organizzando diversi progetti di solidarietà.

Uno di questi porta l’hashtag #HelpUkraineSong e mira a unire il mondo attraverso la musica. Lo scopo è quello di convincere quante più persone possibili a cantare la canzone With a Little Help From My Friends dei Beatles alle ore 12 di sabato 13 maggio. Chiunque ha la possibilità di filmarsi mentre esegue la canzone e potrà caricarla sui vari social media. L’idea è partita da Valerie Bounds, cofondatrice e direttrice di un’agenzia creativa a Liverpool, che dichiara: «Mi è venuta questa idea mentre guardavo una persona che suonava il pianoforte alla stazione di Euston, durante il periodo natalizio e ho pensato che sarebbe stato meraviglioso realizzare un momento così incredibile in uno spazio pubblico. Sono una grande fan dell’Eurovision e ho lavorato come volontaria per i rifugiati ucraini, di conseguenza tutto questo si è fuso insieme». Secondo il The Guardian, il denaro raccolto da #HelpUkraineSong sarà devoluto a War Child, un ente di beneficenza rivolto ai bambini colpiti dai conflitti.

Un’altra importante iniziativa riguarda l’organizzazione dell’EuroFestival, un festival artistico che precederà l’inizio del contest vero e proprio e che comprende diverse installazioni sparse in tutta la città. Una di queste è il “Protect the Beats”, che vedrà il monumento Nelson circondato da 2.500 sacchi di sabbia, per replicare il modo in cui i monumenti in Ucraina vengono avvolti per proteggerli dai bombardamenti. Intorno al monumento, verrà proiettato un documentario sull’importanza della musica in Ucraina, con canti dei soldati sul fronte e canti nelle stazioni della metropolitana di Kiev. Un altro dei progetti compresi nel festival è il “Soloveiko Songbird”, ossia una serie di grandi sculture di usignoli illuminati sparsi in tutta la città, in rimando al fatto che l’usignolo è l’uccello nazionale dell’Ucraina. Quest’ultima installazione è realizzata in collaborazione con la piattaforma di raccolta fondi United 24 del presidente Zelensky, il Ministero della Cultura ucraino e War Child.

Alessia Iermano
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti