lunedì, 17 Giugno 2024
HomeRelazioni internazionaliG7: Il sostegno all'Ucraina non verrà meno

G7: Il sostegno all’Ucraina non verrà meno

Durante l'ultimo vertice del G7, i leader hanno promesso di continuare a sostenere l'Ucraina nonostante la presenza di nuovo conflitto in Medio Oriente

Secondo quanto riportato dalla BBC,I leader dei Paesi del G7 hanno ribadito che il loro sostegno all’Ucraina “non vacillerà mai”, anche in presenza di crescenti tensioni in Medio Oriente.

In occasione di una riunione del G7 in Giappone, i ministri degli Esteri del blocco hanno dichiarato di riconoscere che la Russia è pronta a una lunga guerra, e hanno ribadito che continueranno a sostenere Kiev economicamente e militarmente.

Il gruppo dei Paesi ricchi è stato in prima linea nelle sanzioni contro Mosca dopo l’invasione dello scorso anno. A Tokyo, i governi dei Paesi del G7 – Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia, Giappone, Canada e Stati Uniti – e i rappresentanti dell’Unione Europea hanno affermato che la guerra tra Israele e Gaza non dovrebbe distrarre dal sostegno all’Ucraina.

Secondo un comunicato del ministero degli Esteri giapponese, i leader hanno concordato sulla necessità di imporre severe sanzioni alla Russia e di continuare a sostenere l’Ucraina, “anche nell’attuale situazione internazionale” – un riferimento alla situazione in Medio Oriente.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha dichiarato che il blocco è “unito nella [sua] condanna della guerra della Russia”. Ma la forte retorica nasconde tensioni crescenti mentre la guerra si trascina.

Kiev è sempre più preoccupata che la “stanchezza da Ucraina” dei Paesi occidentali stia erodendo la sua capacità di tenere a bada le forze russe.

Ulteriori finanziamenti statunitensi per l’Ucraina, pari a circa 60 miliardi di dollari (49 miliardi di sterline), richiesti dal presidente Joe Biden, sono stati bloccati dall’opposizione dei membri repubblicani del Congresso. I funzionari americani affermano che gli aiuti attuali si esauriranno entro poche settimane, con conseguenze potenzialmente disastrose per l’Ucraina.

La premier Georgia Meloni ha fatto notizia la scorsa settimana quando ha detto a dei comici russi che fingevano di essere funzionari dell’Unione Africana che la “stanchezza” per la guerra in Ucraina stava aumentando. “Siamo vicini a quel momento in cui tutti capiscono che abbiamo bisogno di una via d’uscita”, ha detto.

Il primo ministro slovacco Robert Fico, insediatosi il mese scorso, ha interrotto le forniture di armi all’Ucraina da parte del suo Paese.

Anche l’unità interna ucraina mostra segni di tensione. Questo mese, i disaccordi tra il presidente Volodymyr Zelensky e il comandante delle forze armate ucraine, il generale Valery Zaluzhny, sono usciti allo scoperto dopo che Zaluzhny ha dichiarato in un’intervista che la guerra ha raggiunto uno “stallo”.

In risposta, Zelensky ha lanciato un appello agli ucraini “a non annegare nelle lotte intestine”. Nel frattempo, mercoledì un collaboratore russo è stato ucciso da un apparente attacco con autobomba nell’Ucraina occupata.

Mikhail Filiponenko, ex capo di una milizia separatista, è morto in un’esplosione nella città di Luhansk. L’intelligence militare ucraina ha affermato di essere coinvolta nell’attacco insieme ai combattenti della resistenza locale. Filiponenko’ era già stato oggetto di un attentato nel febbraio dello scorso anno, secondo quanto riportato dai media russi.

RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti