lunedì, 20 Maggio 2024
HomeRelazioni internazionaliCina e Stati Uniti lanciano un gruppo di lavoro congiunto sul clima

Cina e Stati Uniti lanciano un gruppo di lavoro congiunto sul clima

Le due potenze mondiali,Cina e Stati Uniti, cooperano per trovare soluzioni all'emergenza climatica

Mercoledì 15 novembre, Cina e Stati Uniti hanno annunciato l’avvio di un gruppo di lavoro congiunto sul cambiamento climatico. I due Paesi hanno intensificato il loro coordinamento poche ore prima dell’incontro tra Joe Biden e Xi Jinping a San Francisco, nell’ambito del vertice della Cooperazione economica Asia-Pacifico (Apec), in un contesto di tensioni bilaterali su Taiwan, dispute commerciali e sul Mar Cinese Meridionale.

Le due potenze collaborano da diversi anni sul cambiamento climatico, un settore in cui trovano regolarmente un terreno comune. I colloqui tra gli inviati cinesi e americani per il clima, Xie Zhenhua e John Kerry, si sono tenuti dal 4 al 7 novembre in California, negli Stati Uniti.

Il gruppo di lavoro appena annunciato si concentrerà su “transizione energetica, metano, economia circolare ed efficienza delle risorse, province/stati e città a basse emissioni di carbonio e sostenibili e deforestazione”, hanno dichiarato i media di Stato cinesi e il Dipartimento di Stato americano in un comunicato congiunto.

I membri del gruppo si impegneranno nel “dialogo e nella cooperazione per accelerare l’azione concreta per il clima”, si legge nel comunicato. Le due parti hanno concordato di “lavorare insieme e con altri” per “affrontare una delle più grandi sfide del nostro tempo per le generazioni attuali e future dell’umanità”, secondo la dichiarazione.

Riduzione delle emissioni di metano sul tavolo
I due paesi rilanceranno inoltre “dialoghi bilaterali sulle politiche e le strategie energetiche” e “approfondiranno gli scambi politici sulle soluzioni per il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni di carbonio”.

Gli Stati Uniti e la Cina si sono anche impegnati ad “avviare immediatamente una cooperazione tecnica” per la riduzione delle emissioni di metano, di cui la Cina è il maggior emettitore al mondo. La scorsa settimana, Pechino ha presentato un importante programma per controllare le proprie emissioni di questo gas serra, senza tuttavia proporre un obiettivo preciso di riduzione.

Nella dichiarazione congiunta, tuttavia, le due parti hanno concordato di “sviluppare le rispettive azioni/obiettivi di riduzione del metano”, che saranno incluse nei loro piani di riduzione delle emissioni entro il 2035 – noti come “contributi determinati a livello nazionale”.

Hanno inoltre riaffermato il loro impegno a rispettare gli obiettivi dell’accordo sul clima di Parigi del 2015, ovvero mantenere il riscaldamento globale “ben al di sotto” dei 2 gradi Celsius e continuare gli sforzi per limitare l’aumento a 1,5 gradi. La 28ª Conferenza delle Nazioni Unite sul clima (COP28) si terrà dal 30 novembre al 12 dicembre a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.

Gli Stati Uniti “non stanno cercando di disaccoppiarsi dalla Cina”
Il successo dell’evento dipende in gran parte dalla cooperazione tra Stati Uniti e Cina, i due maggiori emettitori di gas serra in termini assoluti. Il loro accordo è spesso considerato cruciale per dare impulso ai negoziati sul clima.

Il 2023 potrebbe essere l’anno più caldo mai registrato nella storia dell’umanità. Di conseguenza, la pressione sui leader mondiali per ridurre le emissioni di gas serra, che contribuiscono al riscaldamento globale, non è mai stata così forte.

Interrogato sull’incontro con Xi Jinping, martedì Joe Biden ha dichiarato che si tratta soprattutto di un’opportunità per tenere sotto controllo un rapporto bilaterale ancora teso. “Non stiamo cercando di separarci dalla Cina”, ha dichiarato il Presidente degli Stati Uniti, per il quale l’obiettivo è “poter alzare il telefono e parlarsi in caso di crisi”.

Tuttavia, Biden ritiene che la Cina di Xi abbia “problemi reali” con il “ripristino della leadership americana”. “Siamo contrari a definire le relazioni sino-americane in termini di competizione”, ha ribadito una portavoce del Ministero degli Esteri cinese, mentre Pechino invita regolarmente Washington a cooperare piuttosto che a confrontarsi.

RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti