domenica, 16 Giugno 2024
HomeNotizie dal mondoNo alla deportazione in Ruanda dei richiedenti asilo del Regno Unito

No alla deportazione in Ruanda dei richiedenti asilo del Regno Unito

Voto unanime contro la deportazione dei richiedenti asilo del Regno Unito in Ruanda, esultano i gruppi umanitari

Mercoledì 15 novembre la Corte suprema britannica ha bocciato all’unanimità il progetto del governo di deportare in Ruanda i richiedenti asilo. Applicando, così, una precedente sentenza della corte d’appello che aveva stabilito che tale politica – che è stata duramente condannata dagli organismi umanitari – non era legale. Il progetto era stato annunciato per la prima volta nell’aprile 2022, ma è stato oggetto di cause e diatribe legali per cui non si è riusciti a espellere una sola persona. Tale piano per il Ruanda è stato svelato in risposta all’aumento del numero di pericolose traversate su piccole imbarcazioni effettuate dai richiedenti asilo attraverso il Canale della Manica. Il tasso di attraversamenti è aumentato rapidamente negli ultimi anni, una tendenza che il premier Sunak si era impegnato a invertire.

Sunak ha, inoltre, dichiarato che avrebbe invece cercato di siglare un trattato formale con il Ruanda – una mossa che sarebbe soggetta a un ulteriore controllo legale – e avrebbe introdotto una “legislazione di emergenza” che consentirebbe al parlamento britannico di dichiarare unilateralmente il Ruanda un paese sicuro. I giudici, invece, hanno stabilito che il Ruanda non poteva essere considerato un paese sicuro in cui inviare i richiedenti asilo, come ha sostenuto il governo, perché c’era il rischio che i veri rifugiati venissero rimpatriati nei paesi da cui erano fuggiti. Inoltre, come ha affermato la CNN, il Ruanda è stato criticato per «esecuzioni extragiudiziali, morti in custodia, sparizioni forzate e torture».

La decisione della corte è stata celebrata da gruppi umanitari che si erano a lungo opposti al piano come Care4Calais, che sostiene i rifugiati nel Regno Unito e in Francia, che ha affermato che la sentenza «dovrebbe porre fine a questo stigma vergognoso nella storia del Regno Unito». Inoltre, Medici Senza Frontiere ha detto che la sentenza è un «risultato incoraggiante», aggiungendo: «Il nuovo ministro dell’Interno ha ora la possibilità di abbandonare questo approccio inutilmente crudele e concentrarsi invece sulla fornitura di percorsi sicuri per coloro che cercano rifugio nel Regno Unito. Questo è l’unico modo realistico e umano per ridurre il numero di persone che rischiano la vita nella Manica».

Alessia Bianconi
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti