sabato, 2 Marzo 2024
HomeNotizie dal mondoBrasile: il governo vuole eliminare la deforestazione entro il 2030

Brasile: il governo vuole eliminare la deforestazione entro il 2030

Il governo intende attuare 194 linee d'azione per frenare l'abbattimento delle aree verdi naturali dell'Amazzonia

Il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva si pone come obiettivo la salvaguardia della foresta amazzonica. Il governo ha presentato un piano specifico contro la deforestazione nel corso della Giornata mondiale dell’ambiente, secondo quanto riporta El País. Si tratta della rivisitazione di un piano entrato in vigore nel 2004, varato da Lula e dal Ministro dell’ambiente Marina Salva, che fino al 2012 ha dato come risultato la diminuzione della deforestazione dell’83%.

Durante la gestione del governo di Jair Bolsonaro, il piano fu sospeso sostituendolo con operazioni militari di lotta agli incendi e al disboscamento illegale, manovre che gli specialisti hanno considerato di scarsa utilità.

Il piano tornato in auge, che è stato rielaborato da 19 ministri, prevede 194 linee d’azione al fine di raggiungere la deforestazione zero entro sette anni. Il programma comprende altre misure: la creazione di tre milioni di ettari di nuove riserve naturali, la protezione di 230.000 chilometri di rive dei fiumi, il sequestro del 50% dei terreni illegalmente disboscati, l’ampliamento del numero di basi strategiche, di stazioni di polizia e di aerei della polizia federale e delle forze armate in Amazzonia, la creazione di avvisi giornalieri sulla deforestazione e l’assunzione di 1.600 analisti ambientali entro il 2027.

«Portare la protezione socio-ambientale e il cambiamento climatico al centro delle attività e delle priorità del governo va oltre un impegno etico e civile. È anche il più grande trionfo di cui il Brasile dispone per inserirsi nel mondo, attrarre investimenti, generare posti di lavoro e tornare ad essere protagonista nella soluzione dei grandi conflitti globali», ha affermato il Ministro dell’Ambiente. L’intenzione è quella di offrire un’alternativa in campo economico ai cittadini brasiliani che vivono in Amazzonia, attraverso la bioeconomia, il turismo sostenibile e l’agricoltura familiare.

La cerimonia di presentazione del piano anti-deforestazione è stata un atto che ha apportato prestigio internazionale al Ministro dell’ambiente, cercando inoltre di incoraggiarla in un momento di forti pressioni.

Nei tempi previsti dalla politica, i primi risultati si vedranno entro il 2025, quando il Brasile ospiterà la COP-30 a Belém, un appuntamento internazionale che il governatore sfrutterà per capitalizzare gli sforzi a favore del nuovo piano verde.

RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti