martedì, 23 Luglio 2024
HomeNotizie dal mondoEuropaSparatoria all'Università di Praga

Sparatoria all’Università di Praga

Sparatoria all'Università Carlo di Praga morti e feriti tra docenti, studenti e turisti

Giovedì 21 dicembre nell’Università Carlo di Praga è avvenuta una sparatoria di cui sono rimaste vittime 14 persone e ferite altre 25. La polizia ha affermato che l’uomo armato di 24 anni è stato eliminato, dopo che al personale dell’università è stato detto di barricarsi nelle stanze durante l’attacco. Il primo ministro Petr Fiala ha dichiarato di aver annullato i prossimi impegni alla luce dei “tragici eventi” di giovedì, infatti è stato considerato l’attacco peggiore nella storia moderna della Repubblica Ceca.

La sparatoria è iniziata intorno alle 15:00 ora locale (14:00 GMT) presso l’edificio della Facoltà di Lettere dell’Università in piazza Jan Palach. Sui social media sono poi emersi filmati drammatici che mostrano alcune persone che saltano in salvo da una delle sporgenze dell’edificio diversi piani più in alto, e si sentono anche colpi di arma da fuoco. Inoltre, in un video separato, si vedono folle terrorizzate fuggire dall’area popolare tra i turisti. In un briefing di giovedì sera, il capo della polizia del paese e il ministro dell’Interno hanno detto che l’uomo armato era stato uno studente della facoltà. Hanno detto che proveniva da un villaggio a 21 km da Praga. Il padre del sospettato era stato trovato morto all’inizio di giovedì. Le motivazioni dell’uomo armato non sono state immediatamente note.

Sergei Medvedev, professore all’università, ha detto alla BBC che si trovava in uno degli auditorium dell’Università quando sono iniziate le sparatorie. «Stavo tenendo una conferenza in quel momento e all’inizio non mi rendevo conto di cosa fosse successo perché c’erano dei suoni. Gli studenti… L’hanno sentito meglio perché io ero molto concentrato sul mio parlare, sulla mia lezione», ha detto. «Allora… Abbiamo capito che qualcosa di grosso stava accadendo. Non c’era ancora nulla online, niente sulla stampa ceca e sulle reti [di notizie]. Poi, a un certo punto, i gruppi delle operazioni speciali hanno fatto irruzione, hanno perquisito brevemente la stanza e poi sono usciti… Ci hanno detto di rimanere dentro». Invece la turista statunitense Hannah Mallicoat ha detto alla BBC che lei e la sua famiglia si trovavano in piazza Jan Palach durante l’attacco. «Una folla di persone stava attraversando la strada quando è arrivato il primo colpo. Pensavo fosse qualcosa di simile a un petardo fino a quando non ho sentito il secondo sparo e la gente ha iniziato a correre», ha detto. « Ho visto un proiettile colpire il terreno dall’altra parte della piazza, a circa 9 metri di distanza, prima di entrare in un negozio. Tutta l’area è stata bloccata e decine di auto della polizia e ambulanze si stavano dirigendo verso l’università».

Alessia Bianconi
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti