sabato, 25 Maggio 2024
HomeNotizie dal mondoLa promessa del golf Charlie Woods non si qualifica per lo U.S....

La promessa del golf Charlie Woods non si qualifica per lo U.S. Open

Charlie Woods, figlio quindicenne del campione Tiger Woods, non è riuscito a qualificarsi per lo U.S. Open, uno dei più grandi tornei di golf degli Stati Uniti

Il figlio della leggenda del golf Tiger Woods, Charlie (15 anni), ha deciso di seguire le orme del padre nel tentavo di emularne il successo sportivo. Il suo esordio, tuttavia, non ha avuto gli esiti sperati: nel 2024 ha gareggiato per accedere a due tornei di golf statunitensi di livello professionistico per i quali non è riuscito a qualificarsi.

Come riporta il New York Post, a febbraio 2024 il giovane Woods aveva tentato di accedere ad un evento PGA (ossia, il massimo livello del golf professionistico): ha partecipato alle pre-qualificazioni per il Cognizant Classic, presso il Lost Lake Golf di Hobe Sound, in Florida. Tuttavia, il ragazzo ha ottenuto un punteggio troppo basso, che non gli ha permesso di qualificarsi per il torneo. 

Il secondo tentativo è avvenuto giovedì 25 aprile 2024: Woods ha partecipato a una gara di qualificazione per lo U.S. Open che si è svolta al Legacy Golf & Tennis Club in Port St. Lucie, sempre in Florida. Il giovane è arrivato sessantunesimo su 74 partecipanti, come riferisce il sito dell’Associated Press. Con questi risultati, non è riuscito ad accedere al torneo che avrà luogo dal 13 al 16 giugno al Pinehurst Resort & Country Club N. 2, in Carolina del Nord, USA.

Come riporta un articolo di NBC Sports, lo U.S. Open fa parte dei “Majors”, i quattro tornei di golf più importanti degli Stati Uniti: gli altri tre sono il Masters Tournament, la PGA Championship e la The Open Championship.

Durante la gara di aprile, se fosse arrivato tra i primi 5, Woods avrebbe potuto accedere alla fase finale delle qualificazioni per il torneo, stando a quanto riferisce il The Washington Post. Tuttavia, il punteggio che è riuscito ad ottenere lo ha spedito in fondo alla classifica: ha realizzato tre doppi bogey (ha eseguito per tre volte due tiri in più rispetto a quelli previsti, ossia, al par); quattro bogey (ha eseguito per quattro volte un tiro in più rispetto al par) e un birdie alla quinta buca par 3 (ha eseguito per una volta un tiro in meno rispetto al par di 3).

Come riportato sul sito dello U.S. Open Championship, il ragazzo ha totalizzato 81 punti, contro i 69 del primo classificato, Michael Buttacavoli, i 71 degli altri tre finalisti e i 72 del quinto in classifica.

Ilaria Bisegna
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti