lunedì, 24 Giugno 2024
HomeNotizie dal mondoVivaTech Parigi 2024: l'impatto dell'intelligenza artificiale sulle nostre vite

VivaTech Parigi 2024: l’impatto dell’intelligenza artificiale sulle nostre vite

Dal 22 al 25 maggio 2024, a Parigi, si è tenuta l’ottava edizione del salone tecnologico VivaTech, il cui tema principale è stato l’intelligenza artificiale, in particolare quella generativa. Durante gli incontri con i professionisti del settore, si è discusso dell’impatto che questa avrà sulle nostre vite.

L’ottava edizione di VivaTech, il rinomato salone tecnologico parigino, si è appena conclusa. L’evento ha visto la partecipazione di oltre 13.500 startup e aziende provenienti da 25 settori diversi. Inoltre, all’evento erano presenti più di 2.000 investitori e rappresentanti di fondi di investimento.

Quest’anno, il tema principale della manifestazione è stata l’intelligenza artificiale, in particolare quella generativa. Questo argomento ha attirato massima attenzione, riflettendo l’importanza crescente delle tecnologie AI nel panorama globale.

Le giornate della manifestazione VivaTech sono state caratterizzate da un fitto programma di conferenze, workshop e presentazioni, che hanno visto la partecipazione di esperti di fama internazionale, leader del settore e innovatori.

Come riferito da euronews l’ospite principale dell’evento è stato Elon Musk, il quale ha tenuto una tavola rotonda intitolata “Tutto quello che avete sempre voluto sapere su Elon Musk ma avete avuto paura di chiedere”. Durante il dibattito in diretta, gli ascoltatori sono stati incoraggiati a porre domande al noto imprenditore.

Tra i numerosi temi trattati dal CEO di Tesla, uno dei più rilevanti è stato quello sui valori etici dell’intelligenza artificiale. Musk non ha tardato a esprimere la sua preoccupazione riguardo allo sviluppo dell’AI, sottolineando l’importanza della sfera morale di questa tecnologia e affermando: «È importante che l’AI sia addestrata per essere sincera e non per essere politicamente corretta», aggiungendo poi: «il politicamente corretto spesso non è vero, e ciò significa che si sta programmando l’AI per mentire, e credo che questo si ritorcerà contro di noi. L’onestà è la politica migliore», come riportato da euronews. 

Durante l’evento, Elon Musk ha affrontato anche il tema del futuro del lavoro, un argomento su cui manifesta dubbi da tempo. In particolare, ha evidenziato l’impatto della tecnologia sulle nostre vite, sottolineando che il rischio è ormai tangibile. Ha poi affermato che in futuro diversi tipi di lavoro e professioni potrebbero non essere più necessari, poiché l’intelligenza artificiale sarà in grado di fornire tutti i servizi e i beni necessari.

Musk ha infatti detto: «se vuoi fare un lavoro che è un po’ come un hobby, puoi farlo», ha poi aggiunto: «altrimenti, l’IA e i robot forniranno tutti i beni e i servizi che desideri», come riferito dalla CNN.

Eva Capella
Studentessa della Facoltà di Economia
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti