venerdì, 21 Giugno 2024
HomeNotizie dal mondoLa Siria è stata reintegrata nella Lega Araba

La Siria è stata reintegrata nella Lega Araba

I ministri degli Esteri degli Stati membri della Lega Araba hanno concordato di ripristinare l'adesione della Siria, dopo la sua sospensione avvenuta più di 10 anni fa

Lo scorso 7 maggio, nella sede della Lega Araba al Cairo, si è tenuta la votazione per revocare la sospensione della Siria, dopo un lungo periodo di isolamento. La decisione è avvenuta prima del vertice della Lega Araba in Arabia Saudita, programmato per il prossimo 19 maggio, nel quadro del processo di normalizzazione regionale dei legami con Damasco.

L’adesione della Siria alla Lega Araba era stata revocata dopo che il presidente Bashar al-Assad aveva ordinato la repressione dei manifestanti nel 2011. Successivamente il Paese è precipitato in una guerra civile, che ha provocato quasi mezzo milione di morti e 23 milioni di sfollati.

Il voto ha avuto luogo a seguito di un incontro dei diplomatici di Egitto, Iraq, Arabia Saudita e Siria in Giordania la scorsa settimana. Durante il vertice, il processo per riportare Damasco all’interno della Lega è stato rinominato “Iniziativa giordana”.

Rispondendo alla domanda riguardo alla possibilità di al-Assad di partecipare al vertice in Arabia Saudita, Aboul Gheit, il segretario generale della Lega Araba, ha detto: «se vuole, perché la Siria, da questa sera, è membro a pieno titolo della Lega Araba, e da domani mattina ha il diritto di occupare qualsiasi posto».

Secondo quanto riportato da Al Jazeera, il ministro degli Esteri siriano ha affermato che gli Stati arabi dovrebbero perseguire «un approccio efficace basato sul rispetto reciproco». Inoltre, ha anche sottolineato «l’importanza del lavoro congiunto e del dialogo per affrontare le sfide».

Le diverse fazioni siriane hanno espresso reazioni contrastanti alla decisione della Lega Araba. La riammissione è stato uno “shock” per i siriani e «potrebbe uccidere il processo politico», ha detto Bader Jamous, segretario generale della Coalizione siriana dell’opposizione nei colloqui di pace delle Nazioni Unite.

L’opposizione è stata per anni sostenuta da Paesi che ora sostengono la normalizzazione, tra cui l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti. Scrivendo su Twitter, Jamous ha affermato che gli oppositori di Assad «non sono stati consultati» sulle decisioni della Lega Araba.

Secondo quanto riportato dalla Reuters, la Syria Campaign, che si batte per le vittime di violazioni dei diritti in Siria, ha affermato che la mossa di domenica «invia un messaggio agghiacciante» e ha messo «un ultimo chiodo nella bara delle speranze di libertà e democrazia della primavera araba».

Altre sono state più positive. Il Consiglio democratico siriano, l’organo politico che governa le regioni semi-autonome del nord-est della Siria, ha dichiarato di aver «accolto con favore» la decisione di revocare la sospensione della Siria.

Irene Iannotta
Studentessa della Facoltà di Scienze della Politica e delle Dinamiche Psico-Sociali
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti