domenica, 19 Maggio 2024
HomeNotizie dal mondoKhandaqji vince l'International Prize for Arabic Fiction

Khandaqji vince l’International Prize for Arabic Fiction

L’autore palestinese, in carcere da oltre 20 anni, è il vincitore dell’International Prize for Arabic Fiction di quest’anno.

Lo scorso 28 aprile è stato annunciato il vincitore dell’International Prize for Arabic Fiction (IPAF) di quest’anno. L’autore palestinese Basim Khandaqji con il suo libro A mask, the colour of the sky (Una maschera, il colore del cielo) si è aggiudicato la vittoria.

La vittoria del premio di quest’anno è particolarmente significativa. L’autore vincitore, Basim Khandaqji, è infatti uno scrittore e giornalista palestinese detenuto in un carcere israeliano dal 2004. L’arresto di Khandaqji risale alla seconda Intifada. Lo scrittore, all’epoca ventunenne, fu accusato di complicità in attentato terroristico e condannato a tre ergastoli, riporta l’Espresso.

Il romanzo si incentra proprio sul rapporto tra Israele e Palestina. Infatti il titolo fa riferimento al colore della carta d’identità israeliana che il protagonista usa per “infiltrarsi” nella società israeliana e cercare di capirne la mentalità. Come riportato da The Time of Israel, la nomina e la successiva vittoria del romanzo di Khandaqji aveva scaturito forti polemiche da parte dei media isrealiani, soprattutto alla luce degli eventi del 7 Ottobre 2023 e della successiva guerra a Gaza.

Particolarmente significative le parole dello scrittore e critico letterario siriano Nabil Suleiman, Presidente della giuria IPAF 2024. Suleiman, come riportato dall’Agenzia di Stampa Palestinese, ha acclamato il vincitore per avere “fuso in modo innovativo le questioni personali con quelle politiche”. Per il Presidente, come riporta The New Arab, il romanzo esamina in dettaglio “una realtà complessa e amara”, ma pone “l’amicizia e l’amore come pilastri dell’umanità”.  

L’IPAF è il riconoscimento più importante e prestigioso attribuito annualmente al miglior romanzo pubblicato nel mondo arabo. Il premio è stato ideato nell’aprile del 2007 ad Abu Dhabi, prendendo a modello l’acclamato Booker Prize inglese. Scopo del Booker Prize arabo è di far conoscere le letterature arabe a livello internazionale e di incoraggiare la traduzione di esse in altre lingue. È attualmete in corso la traduzione in Italiano del romanzo vincitore.

Lisia Petrini
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti