giovedì, 8 Dicembre 2022
HomeLingue e CultureThe Wallace Collection omaggia Walt Disney

The Wallace Collection omaggia Walt Disney

A Londra prende vita l'arte francese che ha ispirato l'estetica di numerosi film Disney

In collaborazione col Metropolitan Museum of Art di New York, dal 6 aprile al 16 ottobre 2022 The Wallace Collection di Londra ospiterà un’esposizione inedita dal titolo “Inspiring Walt Disney” in cui si potranno ammirare le numerose connessioni tra l’arte francese del 18° secolo e l’animazione targata Disney del 20° secolo, in un connubio sorprendente per adulti e bambini.

Ciò che ha sempre accomunato l’espressione artistica di matrice francese del 18° secolo e l’animazione americana iniziata da Walt Disney negli anni ’20 del secolo scorso, è infatti l’ambizione di infondere vita, personalità e unicità all’inanimato, come recita la descrizione dell’imminente mostra londinese in questione.

Tra i soggetti più affascinanti dell’esposizione troviamo infatti proprio orologi rococò, servizi da tè in fine porcellana francese, divani parlanti dai rivestimenti sontuosi e pregiati, sale da ballo impreziosite da specchi e candelieri d’oro dalle forme più ricercate, che rendono fedelmente omaggio alla tradizione artistica di quasi tre secoli prima, contribuendo a conferire ai film d’animazione più amati un’atmosfera regale e quasi magica.

Walt Disney, nato a Chicago nel 1901, s’innamorò dell’arte francese in gioventù, quando ebbe l’occasione di trasferirsi a Parigi come autista d’ambulanza per la Croce Rossa, dando inizio alla sua prolifica carriera di animatore ed in seguito produttore e regista dell’impero Disney.

Nel 1931 si ebbe la prima apparizione sul grande schermo dell’ormai classico The clock store, dove due statuette di porcellana prendevano vita davanti ad un orologio dorato in stile rococò, direzione che proseguì in tutti i film successivi, come nel 1991 nell’amato film La Bella e la Bestia, in cui spicca lo sfarzo del palazzo in cui vive il protagonista della pellicola, o Cenerentola e Biancaneve e i sette nani, che rievocano la maestosità e la ricercatezza di palazzi ed oggetti della scintillante Versailles, da cui Disney trasse spesso ispirazione.

Ciò che rende questa mostra interessante per chiunque voglia immergersi in queste atmosfere dorate e trasognate, è proprio l’essenza dell’arte rococò, ovvero come riporta il Guardian «l’impressione di un movimento nell’immobilità, un movimento continuo, una danza, una torsione e una curvatura, l’animazione dell’inanimato.»

Tutte caratteristiche che hanno contribuito nei decenni ad accrescere la fama e l’apprezzamento da parte del pubblico di ogni età o provenienza geografica, dei lavori di Walt Disney, e che continuano, anche a distanza di anni dalla sua morte, ad affascinare bambini ed adulti.

Francesca Nardella
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti