venerdì, 19 Agosto 2022
HomeNotizie dal mondoEtiopia: primo incontro del comitato per la pace nel Tigrè

Etiopia: primo incontro del comitato per la pace nel Tigrè

Il premier Abiy apre colloqui di pace con il Tigrè dopo due anni di guerra

Il comitato incaricato dal governo etiope di guidare i futuri negoziati di pace con i ribelli nella regione del Tigrè si è riunito per la prima volta martedì 12 luglio, a renderlo noto è stato uno dei suoi membri, Redwan Hussein, consigliere del Primo Ministro.

I sette membri di questo comitato, presieduto dal vice primo ministro e ministro degli affari esteri Demeke Mekonnen, hanno esaminato varie questioni tecniche prima di “mettersi a lavoro”.

« Il Comitato per le scelte di pace ha tenuto la sua prima riunione il 12 luglio. Ha sviluppato le sue procedure interne e definito i principi etici per governare le discussioni che saranno condotte sotto l’egida dell’Unione Africana », ha twittato Redwan Hussein.

Il primo ministro Abiy Ahmed ha menzionato per la prima volta a metà giugno possibili futuri negoziati di pace con le autorità ribelli del Tigrè, con le quali il governo federale è entrato in guerra nel novembre 2020.

Oltre a Demeke Mekonnen e Redwan Hussein, questo comitato è composto dal ministro della Giustizia Gedion Timotheos, dal direttore generale del National Intelligence and Security Service (NISS) Temesgen Tiruneh, dal capo dell’intelligence militare, il generale Berhanu Bekele, un alto funzionario del Partito della Prosperità Hassen Abdulkadir e il vicepresidente della regione di Amhara.

Né la data, né il luogo, né il quadro sono stati ancora fissati per questi futuri negoziati, sia il governo che i ribelli del Tigrè differiscono già sull’identità del futuro mediatore.

Dopo una tregua di fine marzo, i combattimenti sono quasi cessati nel Tigrè, i cui ribelli hanno ripreso il controllo di gran parte del territorio nel 2021. Ma la situazione umanitaria è ancora catastrofica nella regione, priva di molti servizi essenziali (elettricità, telecomunicazioni, banche, carburante).

Carlotta Monti
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione (LM94)
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti