mercoledì, 28 Settembre 2022
HomeNotizie dal mondoEuropaMorto a 91 anni Mikhail Gorbaciov, ultimo leader dell'Urss

Morto a 91 anni Mikhail Gorbaciov, ultimo leader dell’Urss

Le sue politiche portano alla caduta del Muro di Berlino. Nel 1990 fu insignito del Nobel per la pace

È morto Mikhail Gorbaciov, l’ex leader sovietico che pose fine pacificamente alla Guerra Fredda.

Al di fuori della Russia, era ampiamente rispettato.

«Mikhail Gorbaciov era uno statista unico nel suo genere. Il mondo ha perso un leader globale imponente, un multilateralista impegnato e un instancabile sostenitore della pace.» ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, secondo quanto riportato dalla BBC.

L’ospedale di Mosca dove è morto ha affermato che soffriva di una lunga e grave malattia.

Negli ultimi anni la sua salute era peggiorata drasticamente.

Gorbaciov sarà sepolto nel cimitero di Novodevichy di Mosca, luogo di riposo di molti russi importanti.

Il presidente Vladimir Putin ha inviato le sue “più sentite condoglianze”, descrivendo come Gorbaciov abbia avuto “un enorme impatto nel corso della storia”.

I due uomini avevano una relazione tesa, il loro ultimo incontro risale al 2006.

Più di recente, Gorbaciov si era detto scontento della decisione di Putin di invadere l’Ucraina.

Nel suo tributo, il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato di ammirare il coraggio e l’integrità di Gorbaciov.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden lo ha definito un “leader raro” e ha elogiato Gorbaciov come un politico unico che ha avuto «l’immaginazione di vedere che un futuro diverso era possibile.»

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen lo ha elogiato come «un leader fidato e rispettato che ha aperto la strada a un’Europa libera».

Gorbaciov è diventato segretario generale del Partito Comunista Sovietico e leader del paese nel 1985.

A quel tempo, aveva 54 anni, era il membro più giovane del consiglio di governo ed era visto come una boccata d’aria fresca.

Nel 1991, dopo il fallimento di un colpo di stato da parte degli intransigenti comunisti, Gorbaciov accettò di sciogliere l’Unione Sovietica e lasciò l’incarico.

In Occidente è visto come “un architetto della riforma” che ha creato le condizioni per la fine della Guerra Fredda nel 1991, ponendo fine ad un periodo di profonde tensioni tra l’Unione Sovietica e le nazioni occidentali, compresi gli Stati Uniti e la Gran Bretagna.

È stato insignito del Premio Nobel per la Pace nel 1990 “per il ruolo di primo piano che ha svolto nei cambiamenti radicali nelle relazioni est-ovest”.

Gorbaciov ha tentato di tornare alla vita politica nel 1996, ricevendo solo lo 0,5% dei voti alle elezioni presidenziali.

Henry Kissinger, che ha servito come Segretario di Stato degli Stati Uniti sotto il presidente Richard Nixon, ha dichiarato al programma Newsnight della BBC che Gorbaciov sarebbe stato «ricordato nella storia come un uomo che ha dato inizio a trasformazioni storiche a beneficio dell’umanità e del popolo russo».

Carlotta Monti
Studentessa della Facoltà di Interpretariato e Traduzione (LM94)
RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti