mercoledì, 29 Maggio 2024
HomeNotizie dal mondoElezioni in Polonia: giovani e donne rovesciano il PiS

Elezioni in Polonia: giovani e donne rovesciano il PiS

L'alta affluenza di giovani e donne in Polonia mette in minoranza i conservatori del PiS

Era l’ 01:33 di lunedì quando Szymon Szumniak ha inserito la sua scheda elettorale nell’urna del seggio n. 148 di Breslavia. Come riporta la BBC, Il blogger appartenente al mondo dello spettacolo è rimasto in coda con un freddo pungente insieme a centinaia di altre persone per sei ore, molto tempo dopo la chiusura dei seggi.

La coda smisurata è diventata un simbolo dell’alto livello di coinvolgimento nelle elezioni parlamentari in Polonia, dove un’affluenza record di oltre il 74% ha estromesso dal potere il partito di destra Diritto e Giustizia, o PiS.

“La gente ci ha dato coperte, tè caldo e biscotti. L’ospitalità dei residenti in quell’area è stata incredibile!”, ha raccontato il 26enne, parlando della sua lunga attesa per votare.
A un certo punto, un gruppo di donne si è messo a cantare. In un altro momento, una pizzeria ha consegnato gratuitamente tantissimo cibo. Il giorno dopo l’azienda è stata talmente sommersa di donazioni da parte di polacchi riconoscenti, che ha iniziato a devolvere il denaro in beneficenza. Szymon non ha mai pensato di arrendersi e tornare a casa. “Stiamo costruendo il nostro futuro e credo che molti giovani lo abbiano capito”, ha spiegato il blogger da Breslavia ad un giornalista della BBC. Non ha voluto rivelare per chi ha votato, ma è “contento di come sono andate le cose”.

“La attesa è stata lunga e dolorosa perché faceva molto freddo. Ma la gente ha reso l’esperienza piacevole”, ha aggiunto. Un’affluenza record ha contribuito a rovesciare il governo di destra polacco. L’ultimo voto nel seggio elettorale 148 è stato espresso da Michal Wittenbeck, che ha postato una foto del suo orologio sui social media per immortalare il momento. Erano le 02:41.

I giovani votano per il cambiamento
I sondaggi mostrano che domenica si è recato alle urne il 68,8% degli elettori di età inferiore ai 29 anni, un’impennata rispetto al 46,4% delle ultime elezioni parlamentari del 2019. Questa volta hanno votato più i giovani che gli ultrasessantenni, il che è del tutto insolito. Molti di loro hanno votato per il cambiamento.

Wroclaw, un tempo Breslavia, è un caso emblematico: Jagodno, il quartiere con l’enorme fila, è descritto dalla gente del posto come un quartiere moderno caratterizzato da una popolazione giovane. L’opposizione Coalizione Civica ha ottenuto il 43,6%. Il Partito Diritto e Giustizia (PiS) ha ottenuto solo il 5,9%.

I partiti principali non hanno prestato particolare attenzione al voto dei giovani durante una campagna elettorale estremamente negativa. Il governo ha invece sostenuto che Coalizione Civica avrebbe portato il caos, compresa una migrazione illimitata, e ha definito il suo leader Donald Tusk un burattino dell’Europa. Anche Tusk è andato all’attacco, dipingendo il PiS e il suo leader, Jaroslaw Kaczynski, come una minaccia alla democrazia stessa.
Questo messaggio è stato recepito meglio dagli elettori più giovani.

Il giorno dello scrutinio, gli studenti fuori dalla biblioteca dell’Università di Varsavia erano incollati ai loro telefoni, controllando nervosamente gli aggiornamenti sui risultati delle elezioni tra una lezione e l’altra. Molti di loro hanno pianto dalla gioia non appena hanno appreso che il PiS aveva perso la maggioranza in parlamento ed era quindi improbabile che formasse un governo.

L’alta affluenza alle urne, anche nei seggi all’estero, è stata solo un segno dell’impegno dei polacchi in queste elezioni. C’è stato anche uno sforzo comune per assicurarsi che ogni voto espresso per l’opposizione contasse.

La campagna online #WarsawTrip ha esortato i cittadini a spostare la propria residenza fuori dalle grandi città come Varsavia, per dare al proprio voto un peso maggiore nel complesso sistema elettorale polacco.

Gli sforzi per massimizzare le possibilità dell’opposizione hanno incluso il voto strategico, esortando le persone a recarsi nelle città più piccole con una competizione più ravvicinata e una rappresentanza più proporzionale.

L’idea che queste elezioni fossero l’ultima possibilità di impedire a un governo populista di allontanare la Polonia dall’UE e da alcuni dei suoi valori fondamentali è stata una delle principali motivazioni per cui così tanti cittadini si sono recati alle urne.

RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti