sabato, 25 Maggio 2024
HomeNotizie dal mondoLe valute deboli fanno salire il costo della vita nell'Africa subsahariana

Le valute deboli fanno salire il costo della vita nell’Africa subsahariana

L'impennata dei prezzi mette a dura prova la vita degli abitanti dell'Africa subsahariana

Arinola Omolayo è proprietaria di un negozio di surgelati a Ogba, un sobborgo di Lagos, centro nevralgico commerciale della Nigeria, dove vende soprattutto pollo, pesce e tacchino importati.

La donna ha dichiarato ai giornalisti della BBC che un tempo era felice di andare in negozio mentre ora si sente piuttosto a disagio.

Il motivo è l’impennata dei prezzi degli alimenti. Il pollo congelato costa oggi circa 3.400 naira (4 dollari; 3,50 sterline) al chilo, con un aumento di oltre il 26% negli ultimi tre mesi.

“I clienti che prima compravano 1 kg di pesce o di pollo ora ne chiedono mezzo chilo… I miei clienti più importanti che di solito rifornisco 3-4 kg, ora ne comprano a malapena uno”, dice.

I fornitori attribuiscono la responsabilità dell’aumento dei prezzi all’incremento del dollaro USA, aggiungendo che ciò ha reso molto difficile la vendita dei suoi prodotti.

I prezzi dei prodotti alimentari, dei trasporti e delle materie prime in Nigeria sono aumentati a causa della caduta della naira, che ha provocato un’impennata dei tassi di cambio e ha fatto salire l’inflazione.

La Nigeria non è sola. La maggior parte delle valute dell’Africa subsahariana si sta indebolendo nei confronti di altre valute commerciali globali come la sterlina e il dollaro USA, con conseguente perdita di valore e potere d’acquisto delle valute locali nel continente.

Nel mese di ottobre, la Banca Mondiale ha pubblicato un rapporto in cui affermava che le valute della Nigeria e dell’Angola, i maggiori produttori di petrolio dell’Africa, erano le due con le peggiori performance del continente.

La naira e il kwanza hanno perso quasi il 40% del loro valore rispetto al dollaro USA tra il 31 dicembre 2022 e il 15 settembre 2023.

“L’indebolimento della naira è stato innescato dalla decisione della banca centrale di rimuovere le restrizioni al trading sul mercato ufficiale”, ha dichiarato la Banca Mondiale.

“Per quanto riguarda il kwanza, è stata la decisione della banca centrale di smettere di difendere la valuta a causa dei bassi prezzi del petrolio e dei maggiori pagamenti del debito”.

Il rapporto elenca altre valute africane che hanno subito un calo significativo nello stesso arco di tempo, tra cui quelle del Sud Sudan (33%), del Burundi (27%), della Repubblica Democratica del Congo (18%), del Kenya (16%), dello Zambia e del Ghana (12%) e del Ruanda (11%).

In Zambia, la capitale africana del rame, il prezzo degli alimenti di base, tra cui mais, carne, pesce e le popolari foglie di zucca essiccate, è aumentato di oltre il 14% negli ultimi cinque mesi.

In alcuni casi i prezzi sono raddoppiati, spingendo i prodotti fuori dalla portata di alcuni in un Paese in cui oltre il 60% dei 20 milioni di abitanti è classificato come povero, secondo l’agenzia statistica del Paese. Molte persone sopravvivono con meno di 2 dollari al giorno.

Perché queste valute stanno crollando?
L’enorme divario tra domanda e offerta di valuta estera in questi Paesi è uno dei problemi principali.

Quando c’è una carenza di valuta estera, le persone devono rivolgersi a fonti alternative, come il mercato nero.

I tassi del mercato nero sono sempre peggiori di quelli ufficiali, il che significa che solo le aziende e gli individui ricchi possono permettersi di utilizzarli per le importazioni, le materie prime, le tasse scolastiche, le spese mediche, il turismo e così via.

Un altro fattore è l’enorme dipendenza dalle importazioni, un fattore comune a molte nazioni africane.

RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti