sabato, 25 Maggio 2024
HomeNotizie dal mondoNew York: Centinaia di manifestanti pro-Palestina accampati da giorni davanti alla Columbia

New York: Centinaia di manifestanti pro-Palestina accampati da giorni davanti alla Columbia

Le proteste intimidiscono gli studenti ebrei dell’università, che sono invitati a rimanere a casa, per via degli atteggiamenti antisemiti dei manifestanti

Da mercoledì 17 aprile 2024, un grande gruppo di manifestanti pro-Palestina sono accampati dentro e fuori la prestigiosa università newyorkese Columbia. Chiedono un cessate il fuoco a Gaza e che l’università tagli i rapporti con atenei israeliani.

I manifestanti, come si vede da numerosi video presenti in rete, hanno portato sacchi a pelo e hanno innalzato bandiere palestinesi.

Secondo quanto riferisce il New York Times, giovedì 18 aprile l’università ha chiamato la polizia portando all’arresto più di 100 persone, tra cui Isra Hirsi la figlia del rappresentante Ilhan Omar, democratico del Minnesota.

«La Columbia ha una storia di protesta orgogliosa, ma gli studenti non hanno diritto di violare le politiche universitarie e interrompere l’insegnamento» ha affermato Eric Adams, il sindaco di New York, in un comunicato riportato al New York Times.

In una dichiarazione prima degli arresti, Apartheid Divest, una coalizione di gruppi studenteschi, ha affermato che i manifestanti sarebbero rimasti fin quando l’università non avesse aderito alle loro richieste.

Mentre la decisione presa da Minouche Shafik, presidente della Columbia University, ha attirato critiche immediate da parte dei manifestanti e dei loro sostenitori, gli studenti di altre università, tra cui l’Università di Boston, l’Università di Harvard e l’Università Statale dell’Ohio, hanno convocato raduni in solidarietà con gli studenti della Columbia.

Secondo quanto riferisce la BBC, domenica 21 aprile, la Casa Bianca ha pubblicato un comunicato condannando gli atteggiamenti palesemente antisemiti emersi durante le proteste studentesche.

«Mentre ogni americano ha il diritto a una protesta pacifica, le richieste di violenza e intimidazione fisica contro gli studenti ebrei e la comunità ebraica sono palesemente antisemite, inconcepibili e pericolose», si legge nel comunicato.

Inoltre, il presidente Joe Biden ha denunciato l’antisemitismo nei campus universitari, senza far riferimento a nessuna università in particolare.

Gli studenti ebrei della Columbia, riporta CBSNews, hanno dichiarato che non si sentono al sicuro, considerando molti dei canti antisemiti. Un rabbino, associato alla Orthodox Union Jewish Learning Initiative della Columbia, ha raccomandato agli studenti ebrei di rimanere a casa.

RELATED ARTICLES

In evidenza

I più letti